Sulla strada di Kerouac
Sulla strada di Kerouac
Le avventure pazze di Sal nelle atmosfere armoniose del Monun

Un libro può essere una guida, come nel caso della pubblicazione dell’Espresso sui ristoranti e sui vini d’Italia. Se non avete letto il precedente articolo, vi informiamo con piacere che il Monun Restaurant è tra le pagine della nuova edizione della famosa Guida. Tra i migliori ristoranti della provincia di Taranto.

Un libro può essere anche un modo per consumare il tempo dell’attesa, dal medico, dal parrucchiere, nell’affollata salle d’attente di uno studio legale e in altri luoghi simili. 

Per alcuni, un buon libro rappresenta una sorta di copertina di Linus, alla quale non si può rinunciare mai. Un qualcosa, ogni volta diverso eppure ugualmente rassicurante, cui aggrapparsi per sentirsi protetti e al caldo, in un certo senso, anche quando “fuori” fa freddo.

Abbandonando le metafore, tanto care agli scrittori barocchi, volgiamo il pensiero verso uno dei più brillanti intellettuali del Novecento, che l’Italia abbia mai avuto. Semiologo, filosofo, traduttore e scrittore di fama mondiale, Umberto Eco soleva dire che chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Mentre chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito…perché la lettura è un’immortalità all’indietro.

Dopo queste parole, è difficile scrivere qualcosa che abbia la medesima forza. Quella potenza, intesa come capacità di volere e potere trasformare la realtà, che soltanto le buone letture, eterne nella loro grandezza, possono regalare a noi mortali.

Un viaggiatore in genere porta con sé dei libri, e nella realtà luminosa e accogliente del Monun Hotel, dedicare qualche minuto della vacanza o del soggiorno di lavoro, alle pagine di un romanzo, di un saggio, può essere un modo di donarsi ad un piacere. Nel piacere rappresentato dagli spazi dell’albergo e della Città delle Ceramiche.

La lettura in un bel contesto è un’esperienza rilassante e riconciliante: un dialogo con se stessi, in un’atmosfera dove non c’è spazio per le interferenze. Anche la Salt Room della Spa del Monun si presta bene ad un momento di intimità con il libro.

I consigli sono fatti per non essere ascoltati, ma se si è in cerca di un suggerimento, il titolo che vi  proponiamo di acquistare, pensando magari di prenotare un week end al Monun Hotel è On the roadSulla strada, in italiano.

Punto di riferimento per la beat generation, scritto nel 1951 dallo statunitense Jack Kerouac e tradotto in Italia nel ’59, questo romanzo è uno straordinario resoconto di viaggio attraverso l’America.

Un inno alla liberà, alla ribellione. Se non ne avete già una copia, acquistate l’edizione con la prefazione di Fernanda Pivano. E se vi state chiedendo perché abbiamo scelto questo particolare romanzo, provate a leggerlo e capirete. Vi proponiamo di sperimentare un contrasto:  le pagine di On the road, lette comodamente in albergo, sembreranno, se possibile, ancora più vive, cariche come sono di sentimenti diversi, a volte contrastanti, e di straordinarie esperienze in movimento. Sulla strada.