Vacanze con vendemmia
Vacanze con vendemmia
Settembre al Monun Hotel

Il turismo esperienziale è un modo per intrecciare un legame genuino con il luogo che si è scelto di visitare. Grottaglie, come abbiamo scritto altre volte su questo blog, è una delle mete predilette di questo particolare genere di viaggi. Ogni mese dell’anno rappresenta una finestra su una quotidianità che si tinge di colori diversi, seguendo il ritmo delle stagioni.

Svegliarsi di buon mattino, accompagnare la giornata verso la sera, immergendosi nelle svariate attività del territorio e andare a dormire, sazi di nuove scoperte, è una sequenza generatrice di emozioni difficili da dimenticare. La disabitudine al naturale scorrere del tempo, che spesso costringiamo in ritmi serrati che tolgono fiato alle ore, rende la vacanza esperienziale (anche solo un fine settimana) particolarmente eccitante.

I sensi sono solleticati dai profumi della terra, dai sapori antichi dei frutti salentini, dai gesti che nascono dal contatto con una natura spesso selvaggia, dall’incontro con la biodiversità, che in Puglia è valorizzata, attraverso programmi specifici e campagne informative.

Settembre è il mese della vendemmia e Grottaglie è ricca di vigneti. Un soggiorno al Monun boutique Hotel e Restaurant Spa può essere l’occasione per assistere a un vero e proprio rituale, caro ai vinicoltori.

L’uva destinata a diventare vino è finalmente matura, la sua raccolta diventa una festa. Da fine agosto a inizio novembre è tutto un trionfo di colori e di movimenti. Gesti un tempo esclusivamente manuali, oggi anche meccanici. La macchina aiuta l’uomo a raccogliere l’uva ed è presente anche in altre fasi della vendemmia.

Per ottenere alcuni tipi di vino, quelli generalmente importanti, si procede ancora con la raccolta tradizionale. È la mano dell’uomo a selezionare i grappoli, a riporli in appositi contenitori. In questa maniera il risultato finale, cioè il vino, è diverso. Il prodotto ha un altro valore. Dopo la raccolta, arriva il momento dei profumi che si sprigionano durante la pigiatura. Non viene più fatta nella maniera classica, per motivi di igiene, ma con macchine pigiadiraspatrici.

Dopo aver assistito alla vendemmia, bere un bicchiere di vino non sarà più la stessa cosa. Sembrerà sicuramente più esaltante, al ricordo del contributo dato alla creazione di un prodotto che l’Italia esporta in tutto il mondo. E che il Monun Restaurant propone, nelle sue diverse espressioni, per accompagnare i pranzi e le cene a Palazzo Spinelli. La cantina della struttura è uno scrigno di tesori profumati, ciascuno con la sua storia. Vini pugliesi e vini provenienti da ogni regione italiana. Ma anche prodotti internazionali, come i vini francesi, neozelandesi, tedeschi e australiani. Non resta che prenotare un soggiorno al Monun, per godere dei suoi servizi esclusivi (SPA compresa) e conoscere la ricchezza di Grottaglie.