Grandi stelle della musica al Monun
Grandi stelle della musica al Monun
Franz Ferdinand, White Lies e Digitalism ospiti della struttura

Le stelle della musica illuminano il cielo dell’estate di Grottaglie e accendono l’atmosfera al Monun Hotel.

“E’ stato un piacere soggiornare nel vostro bellissimo albergo, mangiare cibo incredibile e godere della vostra ospitalità”.

Parole di Alex Kapranos, front man degli scozzesi Franz Ferdinand, ospitati nella struttura in occasione del Cinzella Festival.

Un live che ha infiammato i fan dei Ferdinand e gli amanti della musica, tantissimi, accorsi per assistere all’unica data al Sud del loro tour in Italia. Un sold out con circa tremila paganti, per questi big del pop rock. Take me out, loro cavallo di battaglia, ha letteralmente fatto saltare il pubblico, rendendo la performance ancora più trascinante. 

E altrettanto trascinante è stato l’entusiasmo degli eredi dei Simple Minds (come qualcuno li ha definiti) per l’accoglienza ricevuta al Monun Hotel. Un apprezzamento espresso attraverso il desiderio di tornare in un luogo dove l’arte quasi si respira. Un posto dove gli accordi tra le note trovano radici in quella creatività che punteggia la strada delle Ceramiche e il centro storico di Grottaglie. 

Anche l’accoglienza è un’arte e lo staff del Monun ha espresso al meglio la sua vocazione, in ogni momento di questa lunga estate. Con ciascuno degli ospiti arrivati qui con tanta curiosità e andati via con il pensiero alla prossima volta, al prossimo incontro, con la città e con il Monun. La cucina proposta dallo chef, la bellezza degli ambienti, la cordialità sui visi e nei gesti dei collaboratori dell’albergo si sono tradotti, al momento della partenza, in una nostalgia esplosa prima del tempo sui volti dei turisti, stelle del rock comprese. Perché arrivare qui è semplice, quel che è difficile è ripartire.

Come Kapranos e gli altri componenti della band scozzese, anche gli inglesi White Lies e i tedeschi Digitalism hanno soggiornato al Monun, nei giorni dell’evento Cinzella. Performer internazionali che hanno regalato al pubblico grandi emozioni attraverso la musica, lasciando un segno nella memoria della città e tra coloro i quali hanno lavorato per farli sentire “a casa”, tra gli spazi luminosi dell’Hotel boutique.

Tante foto (visibili sulla pagina Facebook del Monun), per immortalare incontri importanti: le relazioni umane che la struttura riesce a favorire, arricchendosi di ricordi e consegnando nelle mani delle persone accolte un’esperienza che sa di bello. 

Spunti da afferrare, che arrivano da ogni angolo del mondo, perché ormai il lavoro che il Monun porta avanti per rappresentare il più bel volto del Sud, viaggia lontano. 

L’Hotel boutique, la sua panoramica Terrazza sulle Murge, il Restaurant gourmet, la suggestiva Spa, il Monun Cafè a pochi passi dall’albergo, sono diventati in pochissimo tempo mete imprescindibili per chi ha voglia di scoprire la Puglia.

Terra dalla luce intensa e con una storia che ha tanto da suggerire. Non resta che mettersi in ascolto, le emozioni sono assicurate.